h4ckarchive v2.2

La nuova risorsa italiana sull’hacking underground

Windows Live Messenger [Lite]

leave a comment »

Questa versione di MSN è identica al Windows Live Messenger insallabile solo che, a differenza di esso, questa versione è portatile. Può essere usata direttamente dalla pen-drive, non necessita di alcuna installazione. Scaricabile solo in lingua inglese da questo link: http://www.msgshit.com/downloads/632/WLM-Lite-8.5.html

Written by Mervin

7 maggio 2008 at 8:50 am

Pubblicato su Other...

Rimuovere la freccia nei collegamenti

leave a comment »

Per poter rimuovere le frecce sui collegamenti non c’è bisogno di eseguire tutte quelle operazioni di modifiche al registro del sistema, si possono eliminare semplicemente usando RegSeeker. Un applicazione che permette di eseguire una bella “pulizia” del nostro sistema e modifiare alcune opzioni di base.

L’opzione per poter eliminare le frecce stà su: Trucchetti

Il software è free e si può scaricare da quì:Download

Written by Mervin

2 aprile 2008 at 7:31 am

Pubblicato su Modding

Il warez in Italia…

with 9 comments

Ecco alcuni warez italiani da poco trovati per scaricare gratuitamente e direttamente dai file hosting (vedi Rapidshare e Megaupload):

http://www.downloadtime.altervista.org

http://download.b4ck.net

http://www.ddlfantasy.net

http://www.rapidshareforum.net

http://rapidshareitalia.blogspot.com

http://www.rapidshare-italia.net

 Ce ne sono molti altri in giro… basta cercare con google…

Written by TheDevil

30 marzo 2008 at 12:49 am

Pubblicato su Cracking, Other...

Come installare Mac OS X Leopard 10.5 su un PC

with 19 comments

Come Installare MAC OSX Leopard 10.5 9a581 su PC

Premessa
Prima di iniziare, voglio far presente che installare un sistema operativo Mac OSX su macchine NON Apple è illegale.
Almeno se proprio si vorrebbe “Provare” consiglierei almeno di continuare solo se si ha la copia Originale del sistema Leopard, acquistata regolarmente.
Inoltre vi dico che per installare Leopard è NECESSARIO avere un sistema Mac OSX Tiger già installato correttamente sul vostro PC o, meglio (sempre per ragioni legali) sul vostro MAC (che sia MacBook, MacBookPRO, iMac ecc… non fa differenza). Trovate la guda su come installare Tiger cercando un po’ con google o trovate qualche PDF anche con eMule .
Breve introduzione
Spero che tutti almeno una volta abbiano sentito parlare di Mac OS, altrimenti cercherò di rimediare subito.
Il Mac OS X è l’attuale sistema operativo di Apple Computer per i computer Macintosh, nato nel 2001 per combinare le note caratteristiche dell’interfaccia utente del Mac OS Classic tradizionale con la stabilità e le prestazioni di un potente sistema operativo di derivazione Unix.
Nel 2005 durante il Worldwide Developers Conference Steve Jobs CEO dell’Apple ha annunciato che la compagnia intendeva far migrare i computer Macintosh sotto architettura x86 (in questa categoria rientrano i PC). Durante la conferenza ha mostrato una versione di Tiger che funzionava su un PC dotato di processore Intel. Jobs ha affermato che la migrazione inizierà nella seconda parte del 2006 e che facilitare la migrazione dei programmi Apple ha messo a disposizione degli sviluppatori il Developer Transition Kits un kit di sviluppo basato su Tiger per x86 e su un PowerMac dotato di processore Intel.
Poco dopo la diffusione del kit di sviluppo sulle reti peer-to-peer sono iniziate a circolare copie contraffatte del sistema operativo in grado di essere installate anche su macchine non Apple, nonostante il sistema fosse dotato di alcuni elementi che avrebbero dovuto impedirne l’installazione. Il 10 Gennaio 2006, durante il Macworld di S. Francisco, Steve Jobs ha presentato con sei mesi di anticipo sulla tabella di marcia, i primi Macintosh con processore Intel in vendita al pubblico: entrambi sono venduti con una versione per x86 di Tiger 10.4.4 preinstallata. Questa versione di Tiger non è in vendita separatamente (in quanto i Mac con cpu x86 ne sono già dotati) e non è legalmente consentita l’installazione su macchine non Apple. (Tratto da Wikipedia)

Che significa “9a581”?
Bene, per chi non lo sapesse, la scritta “9a581” accanto a “Leopard” indica il codice del Kernel (una specie di versione del Kernel, ovvero il cuore del sistema operativo).

Requisiti Hardware
– Processore Intel che supporti le istruzioni SSE3 (potete vederlo con
cpu-z)
– Almeno 10GB di spazio libero sul disco (meglio se di più)
– Almeno 512Mb di RAM
– Una scheda video decente
– Connessione ad internet (ma se siete arrivati qui, allora ce l’avete per forza xD D)

Un ultima cosa
Prima di cominciare, c’è un’ultima cosa da avvisare.
Quando vi indico dei comandi da digitare nel terminale, vorrei ricordare che, e vale per tutti, dopo averlo scritto dovete, ovviamente, premere INVIO per avviarlo.

Installare Mac OSX 10.5 Leopard 9a581 su PC possedendo già Tiger (o su PC o su MAC vero)

Ora è il momento di cominciare D

Cosa ci serve?
– Un sistema BitTorrent per scaricare dei file, dei quali, purtroppo, posso solo darvi i file torrent
– L’archivio contenente le patch che andremo ad applicare al sistema operativo che scaricate qui
– Il DVD di Mac OSX Leopard (link al torrent)
– Un DVD-RW o DVD+RW (l’importante che sia riscrivibile) vuoto
– Masterizzatore DVD

Prima di continuare, accertatevi che l’immagine del DVD che avete scaricato, non sia corrotta.

Avviate Tiger (se non è già avviato D)

Passo 1 – Patchare l’immagine del DVD

– Andate nella cartella dove sono stati scaricati i file che conteneva il torrent che vi ho dato. Prendete l’immagine del DVD, denominata “Mac OS X Install DVD.dmg” (o comunque è l’unico file con estensione “.dmg” che c’è). Spostatelo sul desktop e rinominatelo in

osx-leopard105.dmg

– Ora estraete l’archivio ZIP contentente la patch, sul desktop; fate attenzione che TUTTI i file contenuti al suo interno siano sul desktop (2 file di patch, e 3 cartelle)

– Ora dobbiamo modificare il file della patch; aprite il file “9a581-patch.sh” con TextEdit (fate click destro su di esso, andate su Apri Con -> TextEdit)

– Cerchiamo la riga dove c’è scritto

DMG="/Users/XXX/Desktop/osx-leopard105.dmg"

e modifichiamo “XXX” con il nostro nome utente (attenzione: MacOSX è case-sensitive, ciò vuol dire che si fa differenza fra le lettere maiuscole e minuscole, quindi se nel vostro nome utente ci sono lettere maiuscole, scrivetele maiuscole, NON MINUSCOLE. Es.: Se il nome utente è “Staben”, non posso scrivere “staben” ma devo scrivere “Staben” perché “s” non è uguale a “S”)

– Adesso aprite una finestra del terminale (andando in Applicazioni->Utility->Terminale)

– Scrivete

sudo -s

e scrivete la vostra password, quando chiesto

– Ora scrivete

cd Desktop

– Adesso scrivete

./9a581-patch.sh

La patch si sta applicando. Il processo richiederà un po’ tempo, quindi bevetevi un caffè o mangiatevi qualcosa, o giocate con la vostra PSP, insomma trovatevi un passatempo

– Quando la patch ha terminato il suo “compito” nella cartella della patch ci sarà un’immagine ISO con il nome di “Leo_Patched_DVD.iso” che contiene tutte le patch appena applicate. La sua dimensione sarà di 4.698.669.056 byte (vabbé se trovate 1 byte in più o in meno non muore nessuno D; diciamo che deve essere intorno ai 4,69 GigaByte). Questa è l’immagine del nostro DVD “magico”.

Passo 2 – Masterizzazione dell’immagine

{Siamo sempre in Tiger.}

– Apriamo Utility Disco (Applicazioni->Utility->Utility Disco)

– Inseriamo il nostro DVD-RW/DVD+RW vuoto nel lettore; selezioniamo il drive nella colonna di sinistra di Disk Utility; andiamo quindi nella colonna destra, e selezioniamo “Inizializza”, deselezioniamo la voce “Inizializzazione Veloce” (se non lo è) e clicchiamo sul pulsante “Inizializza”; clicchiamo, poi, su “Masterizza” e cerchiamo l’immagine “Leo_Patched_DVD.iso”.
Adesso, inizierà il processo di masterizzazione, anche questo richiederà un po’ di tempo, quindi troviamoci un altro passatempo D xD

– Quando ha finito (assicuriamoci che Utility Disco verifichi l’immagine appena scritta), avremo un bel DVD di mac OSX Leopard patchato, fresco fresco da installare sul nostro PC

Passo 3 – Creiamo una Partizione per Leopard

Ora dovremo operare un po’ da Winzozz D!!! Se avete Vista, potete usare il programma di partizionamento “Gestione Dispositivi” integrato, che potete avviare dal direttamente dal pannello di controllo con visualizzazione classica, per ridimensionare la partizione di Windows e fare almeno 10GB di spazio non allocato su disco.
Se invece avete Windows XP, potete usare uno dei tanti programmi di partizionamento, come partition magic, sempre per creare almeno 10GB di spazio su disco.

– Adesso andate su Start->Esegui e scrivete “cmd” (su Vista, se non vedete il comando “Esegui” usate cerca, scrivete sempre “cmd”, e aprite l’applicazione con il nome “cmd” che vi esce, assicuratevi di essere loggati come un utente amministratore e date quindi il consenso).
– Ora scrivete

diskpart

– Quindi scrivete

select disk X

dove “X” è il numero del disco dove avete deciso di installare il MAC e dove avete liberato lo spazio, considerando che il conto comincia da 0
es.: se il disco dove avete liberato lo spazio è il primo, dovete scrivere

select disk 0

– Adesso andiamo a creare la partizione, scriviamo

create partition primary id=af

– Quando la partizione è stata creata, scrivete

exit

e ancora

exit

ATTENZIONE: La partizione creata deve essere necessariamente MBR (ovvero del tipo in cui su un solo hard disk ci possono stare solo 4 partizioni primarie o 3 primarie e 1 secondaria ecc…), non GUID!!!

Prima di continuare, per sicurezza, copiamo i file della patch su una pen-drive, nel caso dovremmo usarli da DVD se accidentalmente si cancellasse l’installazione di Tiger (anche se ciò richiederebbe almeno un po’ di conoscenze su UNIX

Passo 4 – Installazione di Leopard

Ecco, ora installeremo Leopard.

– Inserite il DVD di installazione nel lettore e fate il boot da esso (va configurato il BIOS)

– Quando si è avviato, selezionate la vostra lingua, poi assicuratevi di deselezionare l’installazione di tutte le cose del tipo lingue aggiuntive, driver per stampanti, xcode ecc… in quanto il nostro DVD è un Single-Layer, quindi non contiene tutta sta roba (ecco spiegato perché l’originale è di circa 6,66 GB e il patchato è di 4,69 GB D) (per accedere alle opzioni avanzate di installazione dei pacchetti dovete cliccare sul tasto “Ad Hoc” o su “Avanzato” o roba simile quando vi esce)

– Quando poi arrivate ad un punto in cui vi chiede di scegliere il drive di destinazione, cliccate (sulla barra sopra) su “Utility” e aprite il caro “Utility Disco”; quindi selezionate sulla barra sinistra la partizione creata prima con Windows (fate attenzione che sia quella GIUSTA!!!!!!!!!!) e sulla parte destra andate nella scheda “Inizializza”, selezionate come formato volume “Mac OS Esteso (Journaled)” e dategli come nome “Leopard” (senza virgolette, ovviamente); quindi clicchiamo sul pulsante “Inizializza”

– Quando ha finito, uscite da Utility Disco, e dove vi chiede di selezionare il volume (o il drive) di destinazione, selezionate il volume appena creato che abbiamo chiamato “Leopard”, andiamo avanti normalmente e aspettiamo che finisce.

Passo 5 – Patch di post-installazione

– Adesso riavviate Tiger, NON AVVIATE ANCORA LEOPARD
Se avete cancellato Tiger, o se non lo avete sul vostro PC e avete usato il vostro MAC vero, vi ricordate della pen-drive su cui abbiamo copiato la patch? Bene quella ci servirà inseritela e avviate di nuovo dal DVD di installazione (se avete perso la patch, non abbiate paura! Scaricatela di nuovo e estraetela nella pen-drive normalmente, usando magari anche Windows)

– Quindi apriamo il Terminale (da Tiger sempre da Applicazioni -> Utility -> Terminale, da DVD nel menù in alto Utility -> Terminale)

– Digitiamo

sudo -s

Digitiamo la nostra password
{Se siamo nel DVD non dobbiamo usarlo, in quanto, per chi non lo sapesse, il comando sopra serve per avere i permessi di root (ovvero di amministratore), ma nel DVD siamo già root, quindi non va fatto}

Ecco che ora le strade da seguire per il DVD e per il Tiger si dividono nettamente, perciò dividerò le procedure in due colonne.

Dal DVD di Leopard
– Ora apriamo Utility Disco
sempre dal menu in alto
Utility -> Utility Disco
e clicchiamo nella colonna
sinistra sulla nostra pendrive

– Osseviamo quindi nella parte destra
in basso il punto dove c’è scritto
“Punto di attivazione:” e prendiamo
nota del percorso scritto accanto
(che io chiamo adesso “/Volumes/PENDRIVE”)

– Se invece non è attivata (vicino
c’è scritto “Non Attivo” o roba
simile), clicchiamo sul pulsante in alto
“Attiva” e ripetiamo il punto precedente

– Adesso torniamo al terminale
e scriviamo

cd /Volumes/PENDRIVE

Chiaramente sostituiamo
“/Volumes/PENDRIVE” con il percorso di
cui abbiamo preso nota prima

– Ora scriviamo

cd CartellaPatch

Sostituite “CartellaPatch” con il
nome della cartella che contiene i file
della patch

– Terminiamo scrivendo

./9a581-PostPatch.sh

La seconda patch inizierà ad applicarsi
attendiamo che finisca, richiederà un po’,
quindi trovatevi ancora un passatempo D

Da Tiger

– Nel terminale scriviamo

cd

(non premiamo
ancora INVIO) poi prendiamo dal
desktop la cartella contenente i
file della patch e trasciniamola
nel terminale, apparirà accanto a
“cd” (scritto prima) il suo percorso,
adesso premiamo INVIO

– Scriviamo

./9a581-PostPatch.sh

e inizierà l’applicazione della
seconda patch che richiederà,
come l’altra, un po’, quindi
trovatevi un ultimo passatempo D

– In entrambi i casi, quando la patch sarà pronta, il terminale chiederà di riavviare, noi rispondiamo Y (cioè si) e premiamo INVIO

Adesso potete avviare il vostro Leopard D !!!!!!!!!!
Se si avvia state apposto
Se, per qualche rarissimo caso, non si avvia premete F8 appena il vostro BIOS fa il classico “Beep”, scrivete

-v

come opzione avanzata, e prendete nota degli errori, quindi me li direte e io cercherò di aiutarvi

E per avviare Windows e/o Linux?

Al 99,9% delle possibilità, il Vostro MAC appena installato, si sarà “impossessato” della vosra MBR installandoci il suo, comunque ottimo, boot loader: Darwin. Ciò, naturalmente, vi impedirà di avviare Windows e/o Linux. E quindi?

Ecco come fare

Usando il Darwin Boot Loader di Mac OSX

La cosa è abbastanza semplice, basta premere ripetutamente F8 all’avvio, appena il vostro BIOS fa il classico “Beep”. Ecco che appariranno le opzioni avanzate di Darwin. In alto ci sarà l’elenco di tutte le partizioni che ha riconosciuto, basta selezionare quella che si vuole avviare e premere INVIO. Se ne manca qualcuna, possiamo avviarla scrivendo

rd=diskXsY

Dove X è il disco e Y la partizione (iniziando a contare da 0)
es.: se vogliamo avviare la seconda partizione del primo disco dobbiamo scrivere

rd=disk0s1

Usando GRUB di Linux
Se, invece avete il caro Linux installato, allora è una passeggiata
Infatti, vi basta ripristinarlo seguendo la mia guida.
– Quindi avviare Linux normalmente (se non ce l’avete, vi conviene mettervelo che è bellissimo D)

– Aprite il terminale e scrivete

sudo gedit /boot/grub/menu.lst

oppure

sudo nano /boot/grub/menu.lst

mettete la vostra password quando richiesto

– Quindi vi comparirà il file che regola le impostazioni di boot.
Andate in fondo e lasciate una riga vuota, quindi scrivete

title     Mac OSX 10.5 Leopard
root      (hdX,Y)
makeactive
chainloader +1
boot

Sostituite, come sempre a X il disco dov’è installato Mac OSX Leopard, e a Y il numero della sua partizione, iniziando a contare sempre da 0.
Es.: Ho installato Mac OSX Leopard nella seconda partizione del primo disco fisso, scriverò

title     Mac OSX 10.5 Leopard
root      (hd0,1)
makeactive
chainloader +1
boot


Usando il BootLoader di Windows

Un’altra valida alternativa come boot loader, è, comunque, quello di Windows.
Purtroppo questo metodo non è compatibile con Windows Vista, ma lo è pienamente con Windows XP, 2000, Me e NT.
Inoltre vi dico che questo metodo funziona perfettamente con Tiger, ma non l’ho testato con Leopard, quindi non so se funzionerà. Comunque vale la pena tentare

La cosa migliore è usare Chain0, un file contenente il Bootsector di Darwin/x86

– Scaricate chain0 da qui

– Copiate Chain0, nel drive dove è installato Windows (che è quasi sempre C:)

– Avviate Windows, andate su Start -> Esegui… e scrivete

C:\boot.ini

Se il drive dove è installato il vostro Windows, non è C:, sostituite “C:” con il vostro drive (ad esempio D: )

– Andate all’ultima riga e aggiungete

C:\chain0="Mac OsX Leopard"

Se il drive dove è installato il vostro Windows, non è C:, sostituite “C:” con il vostro drive (ad esempio D: )

Riavviate e vi ritroverete davanti al BootLoader di Windows dove potrete selezionare il sistema operativo da avviare, provate ad avviare Mac OsX Leopard e vedete che succede, se si avvia, state apposto D.

Ad ogni modo, vi riporto all’ottima guida su chain0 di Wikipedia/osx86project, dove è spiegato anche come risolvere alcuni problemini
—————————————————-

Dopo tutta questa fatica (che poi sembra tanta, ma non lo è, ve lo assicuro ), il nostro Mac OSX Leopard è veramente pronto.
E vi dico anche che io l’ho installato in giapponese xD. No, scherzo l’ho messo su in inglese, perché dà originalita al sistema operativo D xD

Mentre attendete che il vostro download dell’immagine del disco finisca D xD , rallegratevi con alcuni screenshot di Leopard “in azione” D

Durante l’installazione

Informazioni sul sistema

Il desktop

Si noti il dock in 3d, l’effetto “CoverFlow” di iTunes e la trasparenza della barra in alto D

Fonte: Staben Blog

Written by TheDevil

30 marzo 2008 at 12:38 am

Pubblicato su Cracking

Visualizzare i testi delle canzoni ascoltate

leave a comment »

Con Lyrics Plugin è possibile visualizzare i lyrics delle canzoni ascoltate sul proprio lettore multimediale tra cui Windows media player e Winamp. Se il lyrics non viene trovato potete aggiungerlo voi stessi..
Scaricatelo dal sito ufficiale: Download

Written by Mervin

29 marzo 2008 at 4:32 am

Pubblicato su Other...

Leggere file .docx senza Word 2007 o 2008

with 7 comments

Avete mai avuto bisogno di leggere un documento Word salvato con l’edizione 2007 (per Pc) o 2008 (per Mac), senza avere un computer con Word nuova edizione installato né collegamento a internet?Come sapete, il nuovo formato .docx è diffcilmente leggibile dalle vecchie versioni del software di casa Microsoft, ma c’è un modo molto semplice per leggerlo (senza editarlo, ovviamente) tramite un browser o qualsiasi editor di testo.

Il trucco è davvero semplice: basta rinominare l’estensione del nostro file da .docx a .zip. Dopodiché apriamo il file .zip che abbiamo appena creato e all’interno della cartella Word cerchiamo il file chiamato document.xml.

Apriamo il documento .xml con qualsiasi browser o editor di testo, e il gioco è fatto. Unico problema: all’interno del file .xml non potrete vedere gli stili, ma vedrete solo il testo. Si tratta, in ogni caso, di un’utile procedura di emergenza se non riusciamo in nessun modo ad aprire il file.

Fonte: DownloadBlog

Written by TheDevil

23 marzo 2008 at 6:47 pm

Pubblicato su Tips & Tricks

Il Vista Boot Loader Crack visto come virus da parte di alcuni antivirus

leave a comment »

Mi hanno segnalato in molti, che molti antivirus rilevano il crack Vista Boot Loader, l’unico funzionante con il SP1, come virus. Non è un virus, l’ho testato io personalmente, e non crea alcun problema. Sono stati fatti alcuni test, solo 6 antivirus su 21 lo rilevano 🙂 Quindi non è un virus, bensì un tool che modifica il boot che sia in grado di far partire Vista crackato con licenza originale e autentico. Ecco i test di accertamento del caso:

A-Squared Found nothing
– AntiVir Found TR/Agent.EIW
ArcaVir Found nothing
– Avast Found Win32:Agent-SLI
– AVG Antivirus Found Generic8.RJJ
BitDefender Found nothing
ClamAV Found nothing
– CPsecure Found Troj.W32.VB.bho
Dr.Web Found nothing
F-Prot Antivirus Found nothing
F-Secure Anti-Virus Found nothing
Fortinet Found nothing
Ikarus Found nothing
Kaspersky Anti-Virus Found nothing
NOD32 Found nothing
Norman Virus Control Found nothing
Panda Antivirus Found nothing
Rising Antivirus Found nothing
– Sophos Antivirus Found Mal/Generic-A
VirusBuster Found nothing
– VBA32 Found Trojan.Win32.VB.bho

Come vedete solo 6 antivirus su 21 lo rilevano, quindi è improbabile che vi darà problemi.

Written by TheDevil

23 marzo 2008 at 3:33 pm

Pubblicato su Cracking